Il Bilancio Ecologico Territoriale è uno strumento di valutazione della sostenibilità ambientale di un territorio e delle politiche di sviluppo che in esso si vogliono intraprendere. Qualsiasi agglomerato urbano può essere descritto come un ecosistema che consuma risorse non rinnovabili, genera rifiuti ed emissioni, consuma energia con modalità lontane dalla autosufficienza, o, come si dice, con modalità che comportano nella maggioranza dei casi il superamento della capacità di carico del territorio. Il Bilancio Ecologico Territoriale rappresenta quindi lo strumento di lettura del territorio e delle sue dinamiche; la sua realizzazione è quindi utile per orientare gli indirizzi di sviluppo dell’area in questione. Concretamente un BET è un documento che riporta ed analizza per un dato territorio sia i dati riguardanti lo stato dell’ambiente (aria, acqua, suolo e sottosuolo, rumore, biodiversità, paesaggio) che i fattori di pressione (popolazione, trasporti, consumi energetici, rifiuti, attività industriali, commerciali, agricoltura e turismo). Trattandosi di un documento pubblico, risulta di notevole importanza l’aspetto della comunicazione esterna e diffusione del BET presso i cittadini.
La realizzazione da parte di alcune amministrazioni locali (Regioni, Province e Comuni) della “Relazione sullo Stato dell’Ambiente” rappresenta già un punto di partenza per la definizione del Bilancio Ecologico Territoriale.

 

Sostenibilità dello sviluppo e dimensione territoriale. Il ruolo dei sistemi regionali a vocazione rurale

 

Piano, programma, progetto. Casi applicati di sostenibilità urbana e territoriale

 

Territorio, ambiente, città. Il territorio della sostenibilità

 

Image credits: Micael Reynaud

NO COMMENTS