#12_Consumo energetico degli elettrodomestici

0
2207

Technoline Cost Control calcolatore di consumo elettrico, colore: Bianco

Per ridurre i consumi elettrici in casa, occorre pensarci fin dall’acquisto degli elettrodomestici, privilegiando quelli a basso consumo.

Principali consumi energetici in casa

30% per frigorifero e congelatore

25% per piccoli elettrodomestici

13% per la lavastoviglie

16% per lavatrice e asciugatrice

12% per cucinare

4% per l’illuminazione

Etichetta dell’efficienza energetica

Al fine di agevolare il confronto tra i consumi di elettrodomestici con funzioni analoghe, una direttiva dell’Unione Europea (92/75) stabilisce che la loro efficienza energetica sia indicata su un’apposita etichetta.

Elettrodomestici soggetti all’obbligo di etichettatura:

– frigoriferi, congelatori e apparecchi combinati;

– lavatrici, asciugatrici e apparecchi combinati;

– lavastoviglie;

– forni;

– boiler e serbatoi dell’acqua calda;

– sorgenti luminose;

– condizionatori d’aria;

– lampadine.

Le classi di efficienza energetica riportate in etichetta si suddividono secondo una scala riferita a valori medi europei che va da “A++” (consumi minori) a “G” (consumi maggiori). Il consumo effettivo di un apparecchio è dato, oltre che dalla classe di efficienza energetica, anche dal consumo annuo espresso in chilowattore (kWh).

Acquistare elettrodomestici a basso consumo

Comprare apparecchi a basso consumo conviene sempre, anche se il prezzo d’acquisto è superiore ad apparecchi similari, ma meno efficienti. Il maggior costo iniziale, infatti, verrà ammortizzato nel tempo grazie al risparmio di energia.

Dal punto di vista ecologico è invece sconsigliato sostituire apparecchi che hanno solo pochi anni di vita con altri a basso consumo, poiché anche la produzione delle materie prime, l’assemblaggio e il trasporto dei nuovi prodotti, nonché lo smaltimento di quelli vecchi, implicano un consumo di energia.

Frigoriferi e congelatori assommano circa ¼ del consumo domestico di elettricità, ragione per cui dovrebbero avere dimensioni adeguate alle abitudini individuali di acquisto e di consumo degli alimenti.

Per l’utilizzo da parte di una-due persone si consiglia un frigorifero o un frigo-congelatore di capacità compresa tra 100 e 160 litri.

Valori indicativi di riferimento:

frigorifero = ca. 60 litri per persona

congelatore = ca. 50-80 litri per persona

Risparmiare elettricità

L’acquisto di apparecchi a basso consumo permette di “alleggerire” la bolletta dell’elettricità. Consumi e costi energetici possono però essere ridotti ulteriormente grazie a un impiego razionale degli elettrodomestici.

Alcuni consigli pratici di risparmio energetico:

– Utilizzare lampadine a basso consumo;

– spegnere sempre la luce quando si abbandona una stanza;

– spegnere il televisore, lo stereo, la macchina del caffè ecc. mediante l’interruttore generale, evitando la modalità stand-by (anche la lucina rossa dello stand-by consuma corrente);

– se possibile, collocare frigorifero e congelatore in un luogo freddo della casa;

– scegliere frigorifero e congelatore di dimensione adeguante all’effettivo fabbisogno della famiglia;

– utilizzare pentole e padelle di dimensioni adeguate al piano di cottura;

– durante la cottura coprire i tegami con il coperchio;

– spegnere la piastra elettrica e il forno un po’ prima della fine cottura, al fine di sfruttare il calore residuo;

– utilizzare preferibilmente la pentola a pressione;

– per le uova utilizzare l’apposito bollitore;

– preriscaldare il forno solo per il tempo strettamente necessario;

– utilizzare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico;

– inumidire leggermente gli indumenti prima di stirarli.

Case a basso consumo energetico. Strategie progettuali per edifici a climatizzazione spontanea in Italia



NO COMMENTS